Sabato 8 luglio, ore 20.00Martha Argerich – Franz Liszt Chamber Orchestra
Direttore Gábor Takács-Nagy

Belvedere di Villa Rufolo

Sabato 8 luglio
Belvedere di Villa Rufolo, ore 20.00
Martha Argerich
Franz Liszt Chamber Orchestra
Direttore Gábor Takács-Nagy
Pianisti Martha Argerich e Akané Sakai
Musiche di Mozart, Saint-Saëns, Liszt, Shostakovich
Posto unico € 50

Programma

Wolfgang Amadeus Mozart (1756 – 1791)

Divertimento n. 1 in Re maggiore K 136
Allegro
Andante
Presto

Camille Saint-Saëns (1835 – 1921)

Il Carnevale degli animali*

  1. Introduzione e Marcia reale del leone
  2. Galline e galli (Poules et Coqs)
  3. Emioni [Hémiones (animaux véloces)]
  4. Tartarughe (Tortues)
  5. L’elefante (L’Éléphant)
  6. Canguri (Kangourous)
  7. Acquario (Aquarium)
  8. Personaggi dalle orecchie lunghe (Personnages à longues oreilles)
  9. Il cucù nel bosco (Le coucou au fond des bois)
  10. Voliera (Volière)
  11. Pianisti (Pianistes)
  12. Fossili (Fossiles)
  13. Il cigno (Le Cygne)
  14. Finale (Finale)

*Solisti: Martha Argerich e Akané Sakai

***

Franz Liszt (1811 – 1886)

Angélus! Prière aux anges gardiens (versione per archi)

Dmitrij Shostakovich (1906 – 1975)

Concerto per pianoforte, tromba ed orchestra d’archi n. 1*
Allegretto
Lento
Moderato
Allegro con brio

* Solisti: Martha Argerich piano, László Tóth tromba

 

 

Gábor Takács-Nagy
Nato a Budapest, Gábor Takács-Nagy ha iniziato a studiare il violino all’età di otto anni. Come allievo dell’Accademia Franz Liszt, ha vinto il primo premio nel 1979 alla Jeno Hubay Violin Competition; successivamente ha studiato con Nathan Milstein. I suoi insegnanti di musica da camera in quel periodo sono stati Ferenc Rados, András Mihaly, Zoltán Székely, Sándor Végh e György Kurtag. Dal 1975 al 1992 è stato membro fondatore e leader del famoso Takács Quartet, esibitosi con i leggendari artisti, Lord Menuhin, Sir Georg Solti, Isaac Stern, Mstislav Rostropovitch, Paul Tortelier, Gidon Kremer e Andras Schiff e regolarmente invitato da Sviatoslav Richter ai suoi festival. Il Takács Quartet ha inoltre fatto numerose registrazioni per Decca e Hungaroton.  Nel 1996 Gábor Takács-Nagy ha fondato il Takács Piano Trio con il quale ha inciso, in anteprima mondiale, opere di compositori ungheresi Franz Liszt, Lászlo Lajtha e Sandor Veress. Nel 1998 ha fondato il Mikrokosmos String Quartet con i compatrioti Zoltan Tuska, Sandor Papp e Miklos Perényi, con il quale, nel 2008, ha registrato il ciclo completo dei Quartetti per archi di Bartok, che ha valso loro il premio “Excellencia” di Pizzicato Magazine. Nel 1982 gli è stato assegnato il Premio Liszt. Gábor è considerato uno dei più autorevoli esponenti della musica ungherese e, in particolare, di Béla Bartók. Nel marzo 2017 è stato insignito del prestigioso Premio Béla Bartók-Ditta Pasztory. Nel 2002, seguendo una lunga tradizione musicale ungherese, Gábor Takács-Nagy si è dedicato alla direzione d’orchestra, creando nel 2005 il proprio ensemble d’archi, la Camerata Bellerive, orchestra in residenza al Festival annuale di Bellerive a Ginevra. Nel 2006 diviene direttore musicale della Weinberger Kammerorchestra e, nel mese di agosto 2007, direttore musicale della Verbier Festival Chamber Orchestra. La VFCO si esibisce ogni estate al Verbier Festival e anche in numerose città europee e asiatiche durante tutto l’anno. Insieme alla VFCO, Gábor collabora regolarmente con Martha Argerich, Joshua Bell, Jean-Yves Thibaudet, Vadim Repin e Emmanuel Ax, nonché con i cantanti Frederica von Stade, Barbara Bonney e Angelika Kirschlager. Nel giugno 2011 è stato pubblicato un DVD contenente il secondo Concerto di Beethoven e il Concerto di Shostakovich per pianoforte, tromba e archi con Martha Argerich, David Guerrier e laVFCO. Dal 2010 al 2012 è stato direttore musicale della MAV Symphony Orchestra Budapest e ha registrato in anteprima mondiale l’oratorio “Bards of Wales” di Karl Jenkins. Nel settembre 2011 è diventato direttore musicale della Manchester Camerata, da settembre 2012 è Direttore ospite principale della Budapest Festival Orchestra e nel gennaio 2013 è stato nominato anche partner artistico principale dell’Irish Chamber Orchestra. Gábor è un insegnante di musica da camera dedito e molto ricercato. È professore di Quartetto d’archi presso l’Haute Ecole de Musique di Ginevra e International Chair in Chamber Music presso il Royal Northern Music College. Nel giugno 2012 è stato nominato membro onorario alla Royal Academy of Music di Londra.

 

La Franz Liszt Chamber Orchestra
La Franz Liszt Chamber Orchestra è stata interprete costante della scena musicale classica internazionale per più di mezzo secolo, annoverata tra i migliori rappresentanti delle orchestre da camera. L’orchestra è guidata da Péter Tfirst dal 2016 e, anno dopo anno, si esibisce nelle più importanti sale da concerto del mondo, con solisti di prim’ordine che amano lavorare con un’orchestra dalla elevata precisione, versatilità e adattabilità. L’orchestra è stata fondata nel 1963 da ex-studenti dell’Accademia Musicale Franz Liszt. Durante questo mezzo secolo – sotto la guida inizialmente di Frigyes Sándor e successivamente di János Rolla – l’orchestra ha ottenuto un notevole riconoscimento a livello internazionale: hanno suonato in più di cinquanta Paesi, tra cui la Carnegie Hall di New York, la Suntory Hall di Tokyo, l’Opera House di Sydney, il Teatro Colón di Buenos Aires e il Teatro de la Ville di Parigi. Negli ultimi anni sono state numerose le performance di rilievo: l’orchestra si è esibita al Concertgebouw di Amsterdam, all’Alte Oper di Francoforte, alla Tonhalle a Düsseldorf, al Musikverein di Vienna, alla Victora Hall di Ginevra e al Heydar Aliyev a Baku; ha inoltre suonato al Mecklenburg-Vorpommern Festival e al Menuhin festival a Gstaad. Si sono esibiti anche al famoso Centre for the Performing Arts di Pechino e sono stati invitati ad uno dei festival più prestigiosi dell’Asia: il Chine-Shaghai International Arts Festival. Hanno inaugurato l’anno dedicato a Liszt, 2011, e la presidenza ungherese dell’Unione Europea presso l’Auditorio Nacional di Madrid, dove il concerto ha visto la presenza di Juan Carlos I, Re di Spagna, e di sua moglie Sofia. Oltre alle acclamate tournée tedesche e italiane, l’orchestra ha tenuto una serie di concerti in Sud America nel 2013 e in Giappone nel 2014. La Franz Liszt Chamber Orchestra ha recentemente suonato con solisti del calibro di Mischa Maisky, Emmanuel Pahud, Vagyim Gluzman, Alison Balsom, Fazil Say, Borisz Berezovszkij, Ning Feng, Kristóf Baráti, István Váradi, David Fray, Denisz Macujev, Jefim Bronfman, Gustav Rivinius, Markus Stockhausen , Gábor Boldoczki, Andrea Rost e Steven Isserlis. Nel 2016, la Deutsche Grammophon ha pubblicato l’album realizzato in collaborazione con Ödön Rácz, riconosciuto all’unanimità dai critici a livello internazionale. L’Orchestra da Camera di Franz Liszt è orgogliosa di essere l’orchestra nazionale di Ungheria e di rappresentare e promuovere la cultura ungherese in tutto il mondo

 

Martha Argerich 
Nata a Buenos Aires (Argentina), Martha Argerich studia pianoforte dall’età di cinque anni con Vincenzo Scaramuzza. Enfante prodige, inizia molto presto a esibirsi in pubblico. Arriva in Europa nel 1955: studia a Londra, a Vienna e in Svizzera con Bruno Seidlhofer, Friedrich Gulda e Nikita Magaloff, con la signora Lipatti e con Stefan Askenase. Due anni dopo già si aggiudica il primo premio nei concorsi di Bolzano e Ginevra, poi nel 1965 vince il concorso Chopin a Varsavia. Da quel momento, la sua carriera è una successione di trionfi. Seppure per temperamento e tecnica sia particolarmente adatta a pagine virtuosistiche dei secoli XIX e XX, si rifiuta di considerarsi come specialista di una particolare epoca. Il suo repertorio è quindi molto vasto e comprende Bach, come pure Bartók, Beethoven, Schumann, Chopin, Liszt, Debussy, Ravel, Franck, Prokofiev, Stravinskij, Šostakovič Čajkovskij, Messiaen. Regolarmente invitata dai più prestigiosi festival e dalle migliori orchestre d’Europa, America e Giappone, privilegia anche la musica da camera: suona e incide regolarmente con Nelson FREIRE, Alexandre RABINOVITCH, Mischa MAISKY, Gidon KREMER, Daniel BARENBOIM: « Questa armonia all’interno di un gruppo di persone mi dà una forte e pacifica sensazione». Martha Argerich ha inciso per EMI, Sony, Philips, Teldec, DGG e molti dei suoi concerti sono stati trasmessi dalle televisioni del mondo intero. Ha ricevuto numerosi premi per le sue incisioni: “Grammy Award” per i Concerti di Bartók e Prokofiev, “Gramophon – Artist of the Year”, “Best Piano Concerto Recording of the Year” per i concerti di Chopin, “Choc” del «Monde de la Musique» per il suo recital ad Amsterdam, Artista dell’Anno della Critica Discografica Tedesca, “Grammy Award” per Cindella di Prokofiev con Mikhael Pletnev e  successivamente un altro “Grammy Award” per i Concerti 2 & 3 di Beethoven con la Mahler Chamber Orchestra diretta da Claudio Abbado (DGG / Best Instrumental Soloist Performance), “Sunday Times – Record of the Year” e “BBC Music Magazine Award” per la sua registrazione di Shostakovitch (EMI – 2007). Le sue incisioni più recenti includono il recital in duo con Daniel Barenboim (Deutsche Grammophon) e I Concerti di Mozart K466 e K503 con l’Orchestra Mozart e Claudio Abbado. Direttore artistico del Beppu Festival in Giappone dal 1998, nel 1999 ha creato sia il Concorso Internazionale di Pianoforte che il Festival Martha Argerich a Buenos Aires per poi dar vita, nel 2002, al Progetto Martha Argerich a Lugano. È stata inoltre insignita di numerosi riconoscimenti.

 

Akané Sakai
Nata a Nagoya in Giappone, inizia giovanissima lo studio del pianoforte sotto la guida della madre. Dopo aver terminato gli studi presso la Toho-Gakuen School of Music (Giappone) nella classe di Midori Miura, ha ottenuto un 1° premio con eccellenza sotto la guida del Prof. Alan Weiss presso il Lemmens Institut in Belgio. Ha inoltre studiato a livello avanzato anche con Lilya Zilberstein e Pavel Gililov. È risultata vincitrice del premio “Young artist development” assegnato dal Ministero della cultura giapponese ed ha anche ottenuto la borsa di studio della Yellow Angel Foundation Japan. Appare regolarmente sulle scene musicali internazionali e nelle sale più famose come ad esempio la Philharmonie de Paris, Salle Pleyel a Parigi, Palais des Beaux Ars a Bruxelles, Theatro Colon a Buenos Aires, Triphony Hall a Tokyo ecc. Vanta collaborazioni con la Kremerata Baltica (direzione e pianoforte), Orchestra Della Svizzera Italiana (con Alexander Vedernikov), Orchestra Sinfonica di Tokyo (diretta da Naoto Ohtomo), Sinfonia Varsovia (Jean-Jacques Kantorow) ed è  regolarmente invitata ai vari festival del Progetto Martha Argerich a Lugano, la Roque d’Antheron, il Rhur Klavier festival (Germania), Chopin and his Europe Festival (Polonia), Pacific Music Festival in  Giappone e la Folle Journee Nantes a Tokyo. Sempre entusiasta di suonare musica da camera, ha partner come Martha Argerich, Gidon Kremer, Ivry Gitlis, Nicholas Angelich, Evgeni Bozhanov, Nelson Goerner, Edgar Moreau, Lilya Zilberstein. Ha registrato per la DG e Warner Classics e ha fatto il suo debutto discografico con King International Japan, il cui cd include “Le sacre du printemps” di Stravinsky con Martha Argerich.