Domenica 2 agosto, ore 20.30Quartetto di Cremona

 

Belvedere di Villa Rufolo

NORME ANTI-COVID

ANTI-COVID RULES AND REGULATION

  • Indossare la mascherina dall’ingresso fino al raggiungimento del proprio posto ed ogni qualvolta ci si allontana da esso, incluso il momento del deflusso, nei luoghi comuni e al chiuso

Wear your facemask from the entrance to your seat, as well as upon exit and indoors;

  • Igienizzare le mani con i prodotti disponibili all’ingresso e al Belvedere

Sanitize your hands using the hydro-alcoholic solutions placed at the entrance and on the Belvedere;

  • Mantenere sempre la distanza di sicurezza di almeno 1 metro dagli altri ospiti (ad eccezione dei componenti dello stesso nucleo familiare o conviventi)

Respect social distancing of at least 1 metre between you and other guests except for relatives and co-habitants;

  • Evitare assembramenti

Avoid gatherings;

  • Rispettare le indicazioni dello staff, l’apposita segnaletica informativa e tutte le misure di prevenzione di cui spopra Follow the indications of our staff, the dedicated signs and all anti-Covid measures as above indicated.

PROGRAMMA

Ludwig van Beethoven
Quartetto per archi in fa minore op.95 “Serioso”
20′

Ludwig van Beethoven
Quartetto per archi in mi minore op.59 n.2 “Razumovsky”
35′

QUARTETTO DI CREMONA
Cristiano Gualco violino
Paolo Andreoli violino
Simone Gramaglia viola
Giovanni Scaglione cello

“Musicisti che promuovono e diffondono la musica da camera in Italia e nel mondo.
Ammiro moltissimo il Quartetto di Cremona e quanto essi fanno.”
Ilaria Borletti Buitoni | Marzo 2019

“Ein Wunder!” (Un prodigio!)
Der neue Merker | Luglio 2019

“An unexpected emphasis here, an unusual moment of phrasing there:
the Cremona Quartet are unpredictable, but never mannered in these Schubert
chamber masterpieces. They capture the profound beauty of both works.”
BBC Music Magazine | Luglio 2019

“In effetti, nel ciclo di Beethoven, il Quartetto di Cremona si presenta
come eminente ambasciatore della tradizione italiana del quartetto e, allo stesso
tempo, conferma la propria posizione come ensemble d’eccellenza internazionale.”
Fono Forum | Gennaio 2018

Fin dalla propria fondazione nel 2000, il Quartetto di Cremona si è affermato
come una delle realtà cameristiche più interessanti a livello internazionale ed è
regolarmente invitato a esibirsi nei principali festival e rassegne musicali in
Europa, Sudamerica, Stati Uniti e in Estremo Oriente, riscuotendo unanimi
consensi di pubblico e critica.
Dopo aver ricevuto il “BBT Fellowship” nel 2005, al Quartetto di Cremona è stato
assegnato il “Franco Buitoni Award 2019” da parte del Borletti Buitoni Trust, per
il costante contributo alla promozione e alla diffusione della musica da camera
in Italia e nel mondo.
In campo discografico, nel 2018 si è conclusa la pubblicazione dell’integrale
dei quartetti di Beethoven: gli otto volumi hanno ottenuto prestigiosi premi
discografici (tra cui Echo Klassik 2017 e ICMA 2018) e importanti
riconoscimenti dalla critica specializzata. Nella primavera 2019, con la
partecipazione del violoncellista Eckart Runge, è uscito un doppio CD dedicato a
Schubert, accolto in maniera entusiastica dalla critica internazionale.
Tra gli impegni più rilevanti della stagione 2019/20, un tour negli Stati Uniti ed
uno in Olanda, l’esecuzione integrale dei quartetti di Beethoven a L’Aquila,
Tirana e in Taiwan, concerti in Germania, Spagna, Francia, Svizzera, Scandinavia,
oltre al consolidato rapporto con le maggiori società concertistiche italiane.
Numerose anche le collaborazioni con artisti del livello di Angela Hewitt, Eckart
Runge, Quartetto Emerson, Alessandro Carbonare. Nella stagione 20/21
l’ensemble tornerà ad esibirsi a Ginevra, Milano, Roma, alla Wigmore Hall di
Londra e farà il proprio debutto alla Carnegie Hall di New York.
Nel 2020 il Quartetto di Cremona festeggia i suoi primi vent’anni di carriera, un
traguardo di grande rilevanza per un ensemble italiano e per il quale sono stati
ideati progetti concertistici e discografici di alto livello, sviluppati nel corso di
stagioni consecutive. Tra gli altri, diverse esecuzioni dell’integrale dei quartetti
di Beethoven, un tour con “L’Arte della Fuga” di Bach, nuovi progetti discografici,
brani composti espressamente per il Quartetto.
Dall’autunno 2011 l’ensemble è titolare della cattedra del “Corso di Alto
Perfezionamento per Quartetto d’Archi” presso l’Accademia Walter Stauffer di
Cremona. Particolarmente attento alla formazione e al sostegno dei giovani
musicisti, il Quartetto di Cremona è regolarmente invitato a tenere masterclass
in Europa, Nord e Sud America, Asia ed è tra i partner de “Le Dimore del
Quartetto”.
L’ensemble è anche testimonial per Thomastik Infeld Strings e del progetto
internazionale “Friends of Stradivari”, grazie al quale è stato il primo quartetto
italiano a suonare per un tempo prolungato il “Paganini Quartet” di Antonio
Stradivari, in prestito dalla Nippon Music Foundation (Tokio). Nel novembre
2015 il Quartetto è stato insignito della cittadinanza onoraria della Città di
Cremona.

Cristiano Gualco
violino Nicola Amati, Cremona 1640
Paolo Andreoli
violino Paolo Antonio Testore, Milano ca. 1758 (Kulturfonds Peter Eckes)
Simone Gramaglia
viola Gioachino Torazzi, ca. 1680 (Kulturfonds Peter Eckes)
Giovanni Scaglione
violoncello Dom Nicola Amati, Bologna 1712 (Kulturfonds Peter Eckes)